Da Settingiano a Reggio Calabria passando per Scilla

Direzione  stradale:  A3 128 km, 1 ora 23 minuti Tempo di percorrenza stimato in auto

Di fronte al mare incontaminato si possono osservare cetacei e barche adatte alla pesca del pesce spada (le spadare) pesce per antonomasia pregiato a tavola romantico e temibile in acqua. Se n’è occupato dettagliatamente lo storico Polibio (II sec. a.C.) che rimase affascinato dalla tecnica di pesca praticata ai piedi dello scoglio di Scilla. A suo dire, anche Omero deve avervi assistito visto che ha attribuito alla mostruosa Scilla gli stessi atteggiamenti dei cacciatori del pesce: “spinge le leste fuori dal baratro orribile e lì pesca, e lo scoglio intanto intorno frugando delfìni e cani di mare…”.

Dalle “coste viola” del mar Tirreno si possono ammirare suggestivi tramonti osservando le Isole Eolie.

Il nome Xiphias (in greco "spada") è una denominazione attribuitagli anticamente da Aristotele. Raggiungere Scilla significa godere di un bellissimo borgo marinaro ricco di bottegheartigiane, del castello dei Ruffo, passeggiare lungo la “Chianalea” che attraversa tutto il piccolo borgo e gustare il pesce spada. La visita al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria è una meta obbligatoria poiché è considerato, dopo quello di Berlino, il più grande e importante museo che conserva i reperti della Magna Grecia e ospita i famosi Bronzi di Riace. A Reggio Calabria è possibile passeggiare sul lungomare definito da D’Annunzio il chilometro più bello d’Italia dove è possibile ammirare la vicina Sicilia.

 

Visite: 1050