Itinerario Religioso

Da Settingiano alla Certosa di Serra  San Bruno Direzione Sud

Direzione  stradale:  SS110 94,2 km, 1 ora 21 minuti

Oppure   Direzione  stradale:  SS182  75,3 km, 1 ora 14 minuti Tempo di percorrenza stimato in auto

La Certosa di Serra San Bruno fu fondata tra il 1090 ed il 1101 da Bruno di Colonia, ed è il primo convento certosino in Italia e il secondo di tutto l’ordine. Originariamente fu costruita in stile gotico, restaurata alla fine del ‘500 dal Palladio, soggetta ad ulteriori cambiamenti nei sec. XVI e XVIII e, quando venne distrutta da un terremoto nel 1783, venne ricostruita alla fine dell’800. Annesso c’è il museo della certosa.

Merita menzione in questa succinta storia del monachesimo in Calabria San Brunone, fondatore dell′Ordine Certosino, che rifugiatosi nell'estate del 1089, insieme ai suoi seguaci, in una località dell′Aspromonte nei pressi di Stilo e Bivongi con l'intento di fondare un ordine monastico immerso nella tranquillità di quei stupendi paesaggi ebbe in dono dal Conte Ruggiero, di cui era divenuto amico, i terreni circostanti che avevano il nome di Serra Santo Stefano. San Bruno vi costruì quella che fu la seconda Certosa in Italia dell′ordine dei Certosini. Della vecchia Certosa distrutta dai terremoti del 1783 oggi rimangono le mura perimetrali, la grande facciata d′ingresso in stile Rinascimentale, il chiostro rettangolare seicentesco ed il vecchio cimitero dei Certosini. Nel 1208 il Papa Innocenzo III° per contrastare il dilagare degli "eretici" indette quella che fu una Crociata, rendendo evidenti le contraddizioni di una Chiesa incapace di ricomporre pacificamente al proprio interno il dissenso religioso.


Da Settingiano Mileto-Paravati

Direzione  stradale:  SS280 e A3   84,4 km, 1 ora Tempo di percorrenza stimato in auto

Paravati, paese natio della mistica Natuzza Evolo.

 

Natuzza Evolo durante il corso della sua vita, (1924 - 2009)  vissuta a Paravati, una frazione di Mileto, si sono manifestati una serie di episodi paranormali: apparizioni e colloqui con Gesù Cristo, la Madonna, angeli, Santi e defunti, la comparsa di stimmate ed effusioni ematiche accompagnate da stati di sofferenza durante il periodo pasquale e momenti di estasi. Svariate testimonianze le attribuiscono anche il "dono dell'illuminazione diagnostica", ovvero la capacità di diagnosticare con esattezza una malattia e suggerirne la cura migliore. Per decine di anni ricevette presso la sua abitazione migliaia di persone provenienti da tutto il mondo per incontrarla, principalmente nella speranza di avere notizie dall'aldilà dai propri defunti o indicazioni sulle proprie malattie. Della sua esperienza mistica sono nati la Fondazione e i Cenacoli di Preghiera, è in costruzione una chiesa dedicata al Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime.


Da Settingiano a Paola Direzione Nord

Direzione  stradale: 84,5 km, 1 ora 4 minuti Tempo di percorrenza stimato in auto

 

Il Santuario-Basilica di Paola è il cuore spirituale, il centro per eccellenza della devozione a S. Francesco di Paola. La sua vitalità da oltre cinque secoli ha da sempre affascinato l'uomo nella ricerca dell'assoluto. La comunità che in esso vive, sulla scia dello stesso S. Francesco, resta il luogo privilegiato ed un punto d'incontro e un anello di congiunzione tra Dio e l'uomo.

Visite: 2893